Difendiamo la complessità, ma anche le cose inutili